L’Alpenzoo è uno dei parchi faunistici più alti d’Europa, si trova infatti a 750 m, alle pendici della Nordkette, la catena montuosa che sovrasta la città. Il parco si estende su una superficie di 4 ettari, e ospita circa 2000 animali appartenenti a 150 specie alpine differenti.

La primavera è senza dubbio un ottimo periodo per visitare il parco, e noi ne abbiamo approfittato!

Alpenzoo Innsbruck vista

Vista di Innsbruck dall’Alpenzoo. Foto: ©DianaCappellini

Dal centro città direttamente in mezzo alla natura

Sono partita da casa in auto, con mia figlia e una sua amica, e ho parcheggiato nel garage interrato del Congress di Innsbruck, proprio di fronte al teatro e al parco Hofgarten, praticamente in pieno centro!

Dal parcheggio si sale e si entra nella stazione della funicolare, quella progettata da Zaha Hadid, dove si possono fare i biglietti cumulativi che comprendono la sosta, il viaggio andata e ritorno e l’ingresso al parco (con la Innsbruck card l’ingresso è gratuito).

stazione funicolare Congress Innsbruck Zaha Hadid

La stazione della funicolare. Foto: ©DianaCappellini

stazione funicolare Congress Innsbruck

Interno della stazione della funicolare. Foto: ©DianaCappellini

Abbiamo atteso pochi minuti il nostro “trenino” e ci siamo avventurate insieme a qualche ciclista in tenuta da downhill e addirittura qualche sciatore alle prese con le ultime discese primaverili.

Dopo una decina di minuti scarsi si arriva alla stazione dell’Alpenzoo, che dista qualche centinaia di metri a piedi. Non è necessario rifare il biglietto, perchè quello cumulativo comprende tutto.

funicolare Innsbruck stazione Alpenzoo

Arrivo alla stazione Alpenzoo. Foto: ©DianaCappellini

Lo zoo alpino: visita agli animali

Le bambine conoscevano già il parco, dato che ci andiamo ogni anno, e si sono subito precipitate alla diga del castoro, proprio davanti all’ingresso. Il castoro stava dormendo e non l’abbiamo disturbato!

Accanto si trova il bosco dell’orso bruno. Qui, oltre a due esemplari bellissimi, si trova uno spazio didattico che ripropone le sagome dei vari tipi di orso a grandezza naturale.

installazione didattica orso Alpenzoo Innsbruck

Orsi a grandezza naturale. Foto: ©DianaCappellini

Proprio di fronte invece si trova un parco giochi adatto a tutte le età, infatti mia figlia e la sua amica, anche se ormai grandicelle, si sono divertite a entrare nella “caverna dell’orso” e ad arrampicarsi nei cunicoli.

parco giochi bambini Alpenzoo Innsbruck

Parco giochi dell’Alpenzoo. Foto: ©DianaCappellini

caverna orso bambini Alpenzoo Innsbruck

La caverna dell’orso! Foto: ©DianaCappellini

Il parco si può visitare facendo un anello, prima in salita poi in discesa, noi siamo partite da sinistra, passando attraverso le voliere delle varie specie alpine. Se guardate nelle apposite installazioni potrete sicuramente imparare qualcosa di nuovo sui volatili, il loro ciclo di vita e riproduzione, con le schede scritte in parte anche in italiano.

scheda didattica parco volatili bambini Alpenzoo Innsbruck

Schede didattiche sui volatili. Foto: ©DianaCappellini

Usciti dalle voliere ci si trova davanti un altro spazio ludico-didattico, con uno strumento per misurare la propria apertura delle braccia in confronto a quella, enorme!, del gipeto, un tipo di avvoltoio presente nel parco.

gioco didattico bambini Alpenzoo Innsbruck

Apertura alare del gipeto e di mia figlia! Foto: ©DianaCappellini

Sempre continuando a salire, tenendo la sinistra, abbiamo incontrato gli stambecchi, che vivono sotto a una bellissima parete di roccia molto simile a quelle naturali, e si divertono a saltellare su e giù.

L’Alpenzoo partecipa all’iniziativa di reintroduzione dello stambecco nei parchi naturali austriaci, cosí come di altre specie, e si occupa anche del recupero di alcuni animali selvatici in difficoltà, e della creazione in cattività di una cosidetta “popolazione di riserva” per alcune specie a rischio di estinzione.

In cima al parco si trova uno spazio ludico-didattico dedicato ai diversi tipi di legno presenti sulle Alpi, che potrete ammirare attraverso un sentiero nel bosco, che scende fino alla “fattoria”, sezione dedicata agli animali domestici tipici dell’ambiente alpino. Troverete mucche, galline, capre, pecore e maiali, tutti abituati ai turisti e minimamente intimiditi dai bambini! Da questo angolo di parco si può godere di una bellissima vista sulla città di Innsbruck.

gioco didattico alfabetiere bambini Alpenzoo Innsbruck

Alfabeto didattico sul legno. Foto: ©DianaCappellini

mucche fattoria bambini Alpenzoo Innsbruck

Mucche alla fattoria dell’Alpenzoo. Foto: ©DianaCappellini

Arrampicata radici albero fattoria Alpenzoo Innsbruck bambini

Arrampicata immancabile sulle radici del grande albero davanti alla fattoria. Foto: ©DianaCappellini

Scendendo troverete molti altri animali, come le alci, le bellissime linci e il lupo.

L’acquario

Una volta scese, ci siamo concesse una pausa al nuovo bar-ristorante dell’Alpenzoo, dotato di una bellissima terrazza panoramica.

Non lontano, e prima dell’uscita, si trova l’acquario coperto, assolutamente da non perdere. Una volta scese le scale, vi troverete davanti un vero e proprio cinema in 3D: l’acquario, il più grande del mondo tra quelli in acqua fredda, da fuori sembra un normalissimo laghetto, ma sott’acqua è stata ricavata una finestra che offre un bellissimo scorcio sulla vita dei pesci. Noi ci siamo appostate sulle panchine-sdraio e ci siamo godute lo spettacolo nel relax più totale.

Finestra acquario Alpenzoo Innsbruck

La finestra sull’acquario e le poltrone relax! Foto: ©DianaCappellini

La nostra visita è giunta al termine, ma non mancheremo di tornare anche l’anno prossimo. Consiglio a tutti una gita in questo parco, dove vedere gli animali da vicino e nel loro ambiente è sicuramente un’esperienza unica per tutta la famiglia!

Info utili

La visita all’Alpenzoo piace sia ai grandi che ai piccoli, si fa tranquillamente in un paio d’ore abbondanti e si può organizzare sia con la funicolare dal centro, come abbiamo fatto noi, sia arrivando con l’auto direttamente al parcheggio del parco, oppure prendendo l’autobus della linea W. Controllate sempre le informazioni aggiornate sul sito dell’Alpenzoo.

Venendo dal Congress di Innsbruck, tutto il percorso è praticabile con il passeggino.