Architettura, arte contemporanea e originalità sono le parole chiave della 6° Design Week Florence. Innsbruck – conosciuta per il Tettuccio d’oro o anche per la Nordkette – era divisa in 100 cubetti di cartone. L’idea è venuta a Charly Walter che voleva far notare la varietà di monumenti, edifici e luoghi nascosti presenti a Innsbruck.

Charly Walter, Laura Manfredi, Günter Richard Wett, Lissie Rettenwander e HNRX sono le persone più importanti, riguardo alla partecipazione della capitale delle Alpi alla Florence Design Week.

la galleria “styleconception” nella Mentlgasse 12b

Ho avuto il piacere di incontrare Charly Walter nella sua galleria nascosta “Styleconception” nella Mentlgasse 12b dove mi ha spiegato l’idea che si cela dietro ai cubetti di cartone:

IMG_0828

100 cubetti di cartone nel complesso delle murate (foto: Guido Vianello)

L’intenzione, era quella di rappresentare la capitale delle Alpi in un modo diverso – non solo i monumenti più conosciuti come per esempio il Tettuccio d’oro ma anche dei posti più nascosti come l’uno o l’altro cortile interno o anche dei locali o manifestazioni richieste dai cittadini di Innsbruck – il Treibhaus, per esempio, che si trova nel cuore di Innsbruck nella Angerzellgasse 8. Le foto scattate da Günter Richard Wett che mostrano questi posti a Innsbruck sono state stampate sui blocchetti di cartone. Con Laura Manfredi, in questo modo Charly, ha rappresentato a Firenze la capitale delle Alpi, per mezzo di questi cubetti particolari.

Charly Walter e Laura Manfredi nella sala d’esposizione (foto: Guido Vianello)

Per una settimana Firenze si è trasformata in un “Design Village” dove nei singoli quartieri gli espositori presentavano la loro propria “Creative City”. Innsbruck è stata situata nel complesso delle murate – un edificio che fu costruito nel XV secolo e fu usato come convento, prima di essere trasformato in una prigione. Fino al 1985 tante persone sono finite in questa prigione. In seguito Renzo Piano ha restaurato l’edificio che oggi viene usato come complesso residenziale. Nella sala semi-ottagonale si possono notare ancora le pareti della prigione ben conservate…

La prigione ben conservata (foto: Guido Vianello)

La prigione ben conservata (foto: Guido Vianello)

Un altro protagonista è stato l’artista “Street-Art” HNRX. Come designer della copertina di “Design your Innsbruck” ha decorato una parte del muro fiorentino con le sue tipiche illustrazioni. Così si è immortalato per sempre a Firenze.

HNRX al lavoro (foto: styleconception)

HNRX al lavoro (foto: styleconception)

Inoltre sono stati fabbricati anche dei cubetti più piccoli, con il logo di Innsbruck, che sono stati presentati alle conferenze stampa e sono stati distribuiti ai visitatori della fiera.

cubetti distribuiti a Firenze (foto: Guido Vianello)

cubetti distribuiti a Firenze (foto: Guido Vianello)

Un altro vertice nel programma è stato la serata tipica tirolese con musica tradizionale, ma allo stesso tempo diverso, dove ha suonato Lissie Rettenwander con la sua cetra. Lo speck di Speck-Mair di Telfs non doveva mancare venerdì 27 maggio a Firenze, come neanche la musica dei DJ del PUSIC RECORDS SOULSYSTEM.

Lissie Rettenwander suonando la cetra (foto: styleconception)

Lissie Rettenwander suonando la cetra (foto: styleconception)

Last but not least…

Lo "Stadtrad" della IVB a Firenze (foto: Guido Vianello)

Lo “Stadtrad” della IVB a Firenze (foto: Guido Vianello)

anche lo “Stadtrad” non doveva mancare a Firenze, con cui gli espositori di Innsbruck hanno distribuito dei volantini in tutta la città. Così, è stata l’occasione di parlare alla gente direttamente di Innsbruck e delle sue possibilità e sfaccettature di cui la capitale delle Alpi è ricca:

“L’identità culturale di Innsbruck è forte. Ci sono ancora tanti posti nascosti da scop0rire.” (Charly Walter)

Charly ha ragione ed io posso solo dire: missione accettata!

Insieme a lui e con una “Stadtrad” scopriremo i più bei posti nascosti a Innsbruck, che vi presenterò nel mio prossimo articolo!

Non vedo l’ora di farvi vedere Innsbruck da un’altra prospettiva.