Dal 13 al 17 settembre 2017 torna nella Sala barocca di S. Bernardo nell’abazia di Stift Stams il festival di musica da Camera Obertöne. Sono quattordici i musicisti che si esibiscono sul palco del festival e che provengono da otto Paesi: Austria, Argentina, Francia, Italia, Macedonia, Serbia, Ucraina, Uruguay. Una ricchezza di nazionalità e di strumenti che dialogano in musica, portando gli spettatori in un mondo in cui il piacere dell’ascolto è l’unica regola che conta.

L’idea

E’ un’idea semplice e forte quella che sta dietro a questo festival. L’uomo, indipendentemente dai continenti e dalle epoche storiche, prova sentimenti e stati d’animo simili. Molti compositori nell’arco dei millenni, li hanno messi in musica. Quello che Obertöne ha scelto di mettere sul leggio sono partiture che saltano di secolo in secolo, senza criteri cronologici o stilistici. Si sono scelte musiche ‘semplicemente’ accomunate dal fil rouge della sensibilità compositiva.

Un concerto di Obertöne - Foto © Stefan Haas

Un concerto di Obertöne – Foto © Stefan Haas

Il programma

E così il programma spazia dall’antico al contemporaneo, dai celeberrimi, come Vivaldi e Haydn, ad autori viventi conosciuti quasi solo dagli intenditori, dal barocco al tango quasi senza soluzione di continuità. Chicche musicali di diverse epoche, che si susseguono nel programma di ogni serata, tra armonia e contrasti.

Quello che gli organizzatori di Obertöne promettono è di portare il pubblico in viaggio in un altro mondo, attraverso il semplice ascolto della musica, senza intellettualismi o virtuosismi.

Perchè Obertöne

Il nome che l’associazione di musicisti organizzante il festival ha scelto per sé riflette in nuce il concetto che sta dietro al programma. Gli Obertöne (in italiano ipertoni) sono le ottave, quinte e quarte di un suono di base. Già Pitagora aveva studiato molto affascinato le relazioni matematiche che stanno dietro a questi toni. Al di là della matematica, il dato di fatto è che per il nostro orecchio questi suoni producono una sensazione di piacere. Ed è quello che più conta.

La violinista Mariya Nesterovska ad un concerto di Obertöne - Foto © Heinz Zak

La violinista Mariya Nesterovska ad un concerto di Obertöne – Foto © Heinz Zak

Una cornice unica

Il festival Obertöne si svolge nella sala barocca di San Bernardo nell’abbazia cistercense di Stams, un imponente complesso ad una mezz’ora circa di auto da Innsbruck. L’abbazia è, a buon titolo, su tutte le guide turistiche dell’Austria. Infatti questa costruzione architettonicamente imponente ed elegante ha svolto un ruolo strategico molto importante. E’ stata fondata nel milleduecento da Mainardo II conte del Tirolo e Duca di Carinzia come luogo strategico di controllo dell’allora Contea del Tirolo ed è stata per secoli molto importante. Potete leggere qualcosa di più sulla storia di Stift Stams in questo post.

La sala dei concerti di Obertöne - Foto © Vital Frey

La sala dei concerti di Obertöne – Foto © Vital Frey

Obertöne vi aspetta

Ed ecco un po’ di informazioni utili per gli interessati. La prima – fondamentale – è che i concerti iniziano alle ore 18!

I costi dei biglietti vanno da 10 a 45 euro. C’è anche un pass per le quattro serate dai 90 ai 140 euro.

I biglietti si possono acquistare online, telefonicamente allo 0681 8133 8493 oppure direttamente all’ufficio del turismo di Innsbruck (Burggraben), all’ufficio del turismo di Telfs o all’Orangerie, il bar-ristorante che si trova di fronte all’abbazia.

All’Orangerie potrete anche mangiare qualcosa e bere un bel boccale di birra dopo il concerto.

Per raggiungere l’abbazia in auto da Innsbruck è meglio calcolare almeno 45 minuti (verso le 17 c’è un po’ di traffico). Se decidete di andare in treno (dalla stazione di Stams al luogo dei concerti ci vogliono circa 10 minuti a piedi) fate attenzione, perchè l’ultimo treno diretto per tornare a Innsbruck parte da Stams alle 21:25.

Una soluzione sicuramente bucolica è quella di decidere di pernottare all’abbazia, che offre sia alloggio per singoli che per gruppi.

L'abbazia cistercense Stift Stams in Tirolo. Foto di Laura Manfredi.

L’abbazia cistercense Stift Stams in Tirolo. Foto di Laura Manfredi.

Informazioni utili