E’ aperta fino al 18 giugno 2016 a Innsbruck la mostra del fotografo milanese Armin Linke ‘ Raumbilderfolgen’, che può essere tradotto in ‘sequenze di immagini di stanze’.

L’esposizione si trova a due passi dalla stazione centrale di Innsbruck, nella sede di aut.architektur und tirol, istituzione che dal 1993 realizza mostre, incontri, dibattiti, laboratori e pubblicazioni sul ricco mondo dell’architettura tirolese e internazionale. Peraltro già solo la sede (un birrificio degli anni ’20 di cui ho già raccontato qualcosa in occasione di un’altra mostra qui) merita una visita.

Nella mostra Raumbilderfolgen il fotografo e videoartista Armin Linke forma quasi una cartografia fotografica e filmica delle diverse stanze in cui l’uomo si muove. Tuttavia nelle immagini l’uomo è assente. Protagonista è l’architettura. Ma non un’architettura estraniata dalla realtà, bensì una vissuta. Si percepisce la presenza umana, anche se non la si vede.

In mostra a Raumbilderfolgen di Armin Linke da aut.architektur und tirol, Innsbruck: Ezeiza Penitentiary, Buenos Aires, Argentina, 1999© Armin Linke

In mostra a Raumbilderfolgen di Armin Linke da aut.architektur und tirol, Innsbruck: Ezeiza Penitentiary, Buenos Aires, Argentina, 1999© Armin Linke

Così attraverso queste immagini di luoghi (principalmente luoghi di lavoro in centri di potere politico, economico o culturale) l’artista racconta le trasformazioni economiche, ecologiche e antropologiche del nostro tempo. Ed allo stesso tempo esprime la sua idea di architettura: non solo uno spazio creato dagli architetti per l’uomo, ma uno spazio che viene usato dall’uomo e ne influenza la vita e quindi ha forti implicazioni pratiche.

In mostra a Raumbilderfolgen di Armin Linke da aut.architektur und tirol, Innsbruck: Emergency Control Center, Innsbruck, Austria, 2015© Armin Linke

In mostra a Raumbilderfolgen di Armin Linke da aut.architektur und tirol, Innsbruck: Emergency Control Center, Innsbruck, Austria, 2015© Armin Linke

Prendetevi il tempo per visitare la mostra con calma, perchè l’esposizione è molto ricca: oltre alle foto esposte sui muri di aut con un gusto installativo, ci sono delle cartelline con raccolte di immagini fotografiche che potete sfogliare e che vi permettono di entrare nell’ottica dell’artista e di capire meglio il suo lavoro.

In mostra a Raumbilderfolgen di Armin Linke da aut.architektur und tirol, Innsbruck: Institute for Quantum Optics and Quantum Information IQOQI Innsbruck, Austria, 2015 © Armin Linke

In mostra a Raumbilderfolgen di Armin Linke da aut.architektur und tirol, Innsbruck: Institute for Quantum Optics and Quantum Information IQOQI Innsbruck, Austria, 2015 © Armin Linke

In mostra anche due video. Il primo -‘Schnittstelle’- è il punto di partenza concettuale della mostra: si tratta di una sequenza di immagini spaziali originamente concepite come interazione tra Armin Linke e il filmare tedesco Harun Farocki, che è però venuto a mancare nel 2014, precludendo la possibilità di inter-reazione personale. Il secondo è il film Alpi, il risultato di un esplorazione dell’area alpina, e del suo estendersi su diverse Nazioni: ancora una volta lo spazio ci racconta di diversità antropologiche, culturali e linguistiche.

Le raccolte di immagini da sfogliare nella mostra Raumbilderfolgen di Armin Linke da aut.architektur und tirol, Innsbruck © Laura Manfredi

Le raccolte di immagini da sfogliare nella mostra Raumbilderfolgen di Armin Linke da aut.architektur und tirol, Innsbruck © Laura Manfredi

Armin Linke è milanese di nascita e ora vive e lavora tra Berlino e Milano. Figlio di un fotografo ed una graphic designer, si avvicina molto presto alla fotografia e la sua fascinazione per ‘le stanze dell’uomo’ inizia presto, tanto che il suo archivio oggi conta oltre 100mila immagini (di cui molte italiane). Il suo curriculum è molto ricco e basta citare la sua ripetuta partecipazione alla Biennale di Architettura di Venezia, tra le molte altre mostre. E’ stato Research Affiliate a MIT Visual Arts Program di Cambridge, guest professor allo IUAV di Venezia e attualmente insegna all’Università di arte e design HfG di Karlsruhe.

Quindi sfruttate l’occasione  di vedere le stanze di Armin Linke, se passate da Innsbruck!

Foto storica degli anni '30 del birrificio oggi sede di aut.architektur und tirol, Innsbruck. Foto dell'archivio di Franz Peter Brasdauski

Foto storica degli anni ’30 del birrificio oggi sede di aut.architektur und tirol, Innsbruck. Foto dell’archivio di Franz Peter Brasdauski

Informazioni utili

‘Raumbilderfolgen’ di Armin Linke
4 marzo – 18 giugno 2016
Ingresso gratuito

Dove
aut. architektur und tirol
Lois Welzenbacher Platz 1
6020 Innsbruck
www.aut.cc
pagina facebook aut. architektur und tirol

Orari di apertura
da martedì a venerdì dalle 11.00 alle 18.00
giovedì dalle 11.00 alle 21.00
sabato dalle 11.00 alle 17.00
chiuso il lunedì ed i festivi
ingresso gratuito