Il viaggio di un abete raccontato in un cortometraggio

Innsbruck ore 7:15. Werner ed io ci troviamo in zona Pradl, è il giorno dell’albero di Natale per il classico Christkindlmarkt (mercatino di Natale) innsbruckese. Chi l’avrebbe mai detto che l’abete del mercatino proveniva dalla città?

Oggi abbiamo seguito tutti i passaggi e la storia di questo albero, dal taglio, passando per il trasporto fino al Tettuccio d’oro, all’innalzamento nel centro storico della città. Il tutto è stato documentato attraverso un video, un appassionante viaggio dell’ albero di Natale di quest’anno, un’esperienza unica.

È stata una giornata lunga ed estenuante per i lavoratori della forestale, coordinati dall’ottimo Albuin Neuner, la guardia forestale della città. Lo stesso Albuin ci ha spiegato la scelta, ormai da anni, di utilizzare abeti della città perché dice: “crescono meglio in uno spazio più ampio, in piena libertà e senza altri alberi attorno. Così i rami possono crescere in maniera omogena.”

L'albero di Natale nella sua "casa" di Pradl

L’albero di Natale nella sua “casa” di Pradl

Già in marzo viene scelto, tra molti pretendenti, l’albero che sarà una delle attrazioni del mercatino, quello di quest’anno è uno “spilungone” alto 20 metri ed è un “giovanotto” di 55 anni. L’abete di Pradl è il più pensante della storia con ben 6 tonnellate e mezzo di peso.

This slideshow requires JavaScript.

A partire dal 15 novembre, quando aprirà ufficialmente il Christkindlmarkt, lo potrete ammirare nel cuore di Innsbruck, in mezzo alle bancarelle del mercatino.

Maggiori informazioni: