Il 2019 è l’anno in cui si commemorano i 500 anni della morte dell’imperatore Massimiliano I. Per questo anniversario la città di Innsbruck e il Tirolo hanno diversi eventi in programma (di cui vi ho parlato in questo articolo).
Sono andata a visitare due delle mostre dedicate all’imperatore, la prima a Schloss Ambras e la seconda nel Museum im Zeughaus.
Ed ecco qualche informazione su quello che si può vedere.

 

L'imperatore Massimiliano ritratto nell'Imagines Gentis Austriacae di Georg Resch von Geroldshausen © KHM-MUSEUMSVERBAND

L’imperatore Massimiliano ritratto nell’Imagines Gentis Austriacae di Georg Resch von Geroldshausen © KHM-MUSEUMSVERBAND

 

Schloss Ambras e Massimiliano

Schloss Ambras, il castello di Innsbruck, ha inaugurato ad aprile 2019 la mostra „Zu lob un ewiger Gedachtnus“ („A lode e perpetua memoria“). L’esposizione si focalizza sulle opere artistiche dedicate a Massimiliano, che giunsero al castello di Ambras per mano del pronipote, l’arciduca Ferdinando II. La mostra è aperta fino al 31 ottobre 2019.

Schloss Ambras bei Innsbruck, Tirol, Österreich

Opere in tutto il castello

La mostra temporanea si articola lungo il percorso di vista del castello. Da un lato mette in luce l’impatto architettonico che la presenza dell’imperatore ebbe sul castello e mostra preziosi cimeli di famiglia che vennero in seguito incorporati nelle collezioni del museo. Dall’altro lato opere d’arte commissionate dall’arciduca Ferdinando II (1529-1595), pronipote di Massimiliano, illustrano l’influenza che l’imperatore ebbe su quello che sarà il fondatore delle collezioni di Schloss Ambras.

Cassettina con blasoni del 1583, di area tedesca e forse tirolese in mostra a Schloss Ambras © KHM-MUSEUMSVERBAND

Cassettina con blasoni del 1583, di area tedesca e forse tirolese, in mostra a Schloss Ambras © KHM-MUSEUMSVERBAND

Il culto della propria immagine

Massimiliano ha operato in modo professionale e costante per creare il suo mito. Per dimostrare la sua nobile origine e il suo ruolo a difesa del cristianesimo ha commissionato ad artisti, artigiani ed architetti opere che rendessero famosa la sua immagine. Il suo riconoscimento, peraltro reso facile dalla sua fisionomia (il naso di Massimiliano lo rende immediatamente riconoscibile), si declina quindi tra monete e stampe, pitture e ritratti. La sua politica di ‚brand consolidation‘ (per usare un termine preso in prestito dal marketing) è stata costante e indefesa ed ha prodotto innumerevoli opere, non da ultimo il maestoso ed imponente progetto della sua tomba nella chiesa di corte a Innsbruck.

Moneta del 1517 raffigurante l'imperatore Massimiliano I in mostra a Schloss Ambras, © KHM-Museumsverband

Moneta del 1517 raffigurante l’imperatore Massimiliano I in mostra a Schloss Ambras,
© KHM-Museumsverband

La celebrazione di sè

Attraverso gli oggetti in mostra, tra stampe, monete, ritratti e armature, si entra nell’ottica della politica di ‚autocelebrazione‘ di Massimiliano, poi seguita da tutta la casata degli Asburgo.

L'ingresso della Zeughaus a Innsbruck, Foto © Wolfgang Lackner

L’ingresso della Zeughaus a Innsbruck, Foto © Wolfgang Lackner

Massimiliano e la Zeughaus

In aprile ha inaugurato anche una mostra alla Zeughaus di Innsbruck, l’antico arsenale della città ora museo regionale. L’arsenale (in tedesco Zeughaus) è stato fatto erigere da Massimiliano all’inizio del Cinquecento a debita distanza dal centro della città. Custodiva gli armamenti dell’esercito imperiale con i suoi celebri cannoni e costituiva il fulcro di una fiorente industria bellica.

La soffitta della Zeughaus a Innsbruck, visibile eccezionalmente in occasione della mostra dedicata a Massimiliano, Foto © Wolfgang Lackner

La soffitta della Zeughaus a Innsbruck, visibile eccezionalmente in occasione della mostra dedicata a Massimiliano, Foto © Wolfgang Lackner

L’arsenale di Innsbruck

L’esposizione intitolata „Des Kaisers Zeug“, è aperta fino al 3 novembre 2019 e ruota intorno alla storia dell’edificio. Infatti più che altro ci sono documenti che raccontano la nascita e l’uso di questo edificio non solo ai tempi di Massimiliano, ma anche nei secoli successivi in cui la destinazione d’uso è cambiata.  Oggi infatti si usano questi spazi come museo e in estate il cortile diventa un cinema all’aperto.
In occasione della mostra sono state aperte al pubblico alcune sale, come la soffitta, che di solito non sono visitabili. Una mostra piccola che permette di vedere la struttura dello spazio, che ha mantenuto l’impianto originale voluto dall’imperatore.

Festa medievale alla Zeughaus, Foto © Laura Manfredi

Festa medievale alla Zeughaus, Foto © Laura Manfredi

Informazioni utili

Schloss Ambras
Maximilian I
Zu Lob und ewiger Gedachtnus
11 aprile – 31 ottobre 2019
aperta ogni giorno dalle 10 alle 17
Maggiori informazioni sul sito del museo

Museum im Zeughaus
Des Kaisers Zeug
Maximilians Zeghaus in Innsbruck
12 aprile – 3 novembre 2019
aperta da martedì a sabato dalle 9 alle 17
Maggiori informazioni sul sito del museo